Per chi come noi ama scoprire il mondo a ritmo lento, è naturale avere nel dna il rispetto dell’ambiente, delle altre culture e delle loro tradizioni.
Questo si traduce per noi in mobilità sostenibile, viaggi a basso impatto che danno centralità della comunità locale ospitante, movimento come scoperta e non solo per raggiungere la destinazione.
Certo richiede preparazione fisica e conoscenza dei percorsi fruibili, ma in cambio offre emozioni che difficilmente possono essere sperimentate con altri mezzi. 
Le due ruote il mezzo più adatto per conoscere luoghi altrimenti inaccessibili nei molti Parchi e riserve naturalistiche dell'Italia come Il parco Otranto-Santa Maria di Leuca, nel quale ci inscriviamo. Un patrimonio architettonico, culturale e ambientale di grandissimo pregio: la sua struttura geologica regala, oltre a paesaggi mozzafiato, sorprendenti testimonianze di un passato che si perde nella preistoria.