Coppula Tisa

Organizzazione di Volontariato

STATUTO

(Approvato dall'Assemblea dei Soci il 29/10/2006)

Coppula Tisa Onlus è iscritta nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato della Puglia al n° 631

 

TITOLO I

Costituzione, scopi sociali

Art. 1 - Costituzione e sede
L’Associazione Coppula Tisa è costituita a Tricase, con sede in via Carlo Mirabello n. 3. Coppula Tisa è una Associazione di Volontariato che opera per favorire lo sviluppo di una società basata su un equilibrato rapporto uomo-natura; per costruire un modello di sviluppo fondato sull’uso appropriato delle risorse naturali ed umane; per la tutela dei diritti dei consumatori, dell’ambiente, delle specie animali e vegetali, del patrimonio storico, artistico e culturale, del territorio e del paesaggio.

L’Associazione promuove la bellezza in tutte le sue forme, individuando nei valori della cittadinanza attiva l’elemento comune per lo svolgimento delle attività nei vari ambiti d’interesse, e nel principio della sussidiarietà lo strumento per un’azione efficace e di crescita sociale.

 

Art. 2 - Durata
L’Associazione non persegue scopi di lucro, ha durata illimitata e, al fine di conseguire gli obiettivi individuati dal presente statuto, potrà decidere, di anno in anno, di aderire ad altre Associazioni che perseguano le medesime finalità.

 

Art. 3 - Scopi sociali
L’Associazione svolge attività di volontariato e persegue le seguenti finalità solidaristiche:
a)            la promozione e l’organizzazione di qualsivoglia forma di volontariato dei cittadini, Soci e non, al fine di salvaguardare e/o recuperare l’ambiente naturale e i beni culturali, in particolare promuovendo ed organizzando, in proprio o in collaborazione con enti e associazioni, servizi di protezione civile, nonché di vigilanza sull’applicazione delle norme poste a tutela dell’ambiente e della salute;
b)           lo svolgimento di attività di manutenzione, pulizia e custodia di aree verdi, beni monumentali e/o culturali, parchi giochi, giardini pubblici con annessi gli impianti sportivi e di svago di uso pubblico, spiagge, coste ed ambienti naturali;
c)            la promozione e l’organizzazione di attività sportive dilettantistiche;
d)           l’organizzazione di campi di lavoro per il recupero ambientale, il risanamento di strutture urbane, il rimboschimento, il recupero di terre incolte, il disinquinamento di zone agricole ed industrializzate;
e)           la promozione della conoscenza, in ordine ai diritti dei consumatori ed utenti, anche mediante forme di assistenza diretta e/o di formazione specifica, rivolta ai consumatori e agli utenti medesimi;
f)            l’organizzazione di riunioni, seminari, dibattiti e convegni, la redazione e la diffusione di studi tramite pubblicazioni ed ogni altro mezzo di comunicazione, la promozione di rapporti, in Italia ed all’estero, con Enti ed altre Associazioni, Cooperazione e Movimenti organizzati;
g)            la promozione e l’organizzazione di attività commerciali e produttive marginali quali, ad esempio, la vendita di prodotti agricoli biologici ovvero gadget e materiale informativo, viveri o bibite;
h)           l’assunzione di tutte le iniziative e lo svolgimento di tutte le attività, ivi compresa la stipulazione di accordi di collaborazione con organizzazioni italiane ed estere, ovvero la promozione e/o la partecipazione in altre associazioni e fondazioni, che siano giudicate necessarie o utili per il conseguimento delle proprie finalità.

 

Art. 4 – Mezzi e azioni
Per raggiungere le proprie finalità, l’Associazione:
a)            si avvale delle sue risorse specifiche e delle risorse che attinge dalla sua rete di collaborazioni;
b)           promuove le opportune azioni giudiziali in sede civile, amministrativa e penale per la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini e dei consumatori.

 

TITOLI II

Soci

Art. 5 - Soci
Fanno parte dell’Associazione tutti coloro che condividono i principi fondamentali del presente statuto e si impegnano a mettere a disposizione gratuitamente la loro competenza e disponibilità e a rispettare le decisioni democraticamente assunte. I Soci che prestano attività di volontariato devono essere assicurati a norma di legge.

Per partecipare alle attività dell’Associazione, ivi compreso l’esercizio del diritto di voto in Assemblea, il Socio è tenuto a versare la quota associativa annuale nei modi e nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo.

 

Art. 6 - Quote associative
La domanda di adesione all’Associazione deve essere inoltrata al Presidente della stessa. L’acquisizione della qualifica di Socio si perfeziona solo nel momento in cui il richiedente effettua il versamento della quota associativa per l’anno di riferimento, così come stabilito dal Consiglio Direttivo. La qualifica di Socio è valida fino al 31 dicembre dell’anno di riferimento, qualunque sia stata la data di adesione.

In caso di mancato accoglimento della domanda di adesione, entro 60 giorni dalla presentazione, l’aspirante Socio si potrà rivolgere all’Assemblea dei Soci per il riesame della sua domanda.

 

Art. 7 - Perdita della qualifica di Socio
La qualifica di socio si perde nei seguenti casi:
a)            inosservanza del presente Statuto e dei regolamenti e/o comportamento scorretto;
b)           mancato versamento della quota associativa;
c)            espressa volontà dell’interessato.

Il Consiglio Direttivo adotta una delibera di decadenza nei confronti dei Soci che non abbiano rinnovato l’adesione mediante il versamento della quota associativa entro il mese di febbraio dell’anno successivo all’ultimo anno in cui gli interessati godevano della qualifica di Socio.

Il Consiglio Direttivo decide in merito agli eventuali provvedimenti di sospensione ovvero di esclusione nei confronti dei Soci che contravvengono allo spirito e alle norme del presente Statuto.

Il Socio sospeso o escluso può presentare ricorso all’Assemblea dei Soci alla prima adunanza utile.

 

TITOLO III

Organi sociali

Art. 8 - Organi dell’Associazione
Sono organi dell’Associazione:
a)            l’Assemblea dei Soci;
b)           la Presidenza, composta dal Presidente, dal Vicepresidente e dal Tesoriere;
c)            il Consiglio Direttivo.

I suddetti incarichi sono svolti a titolo gratuito.

 

Art. 9 - Diritto di voto
Tutti i Soci hanno diritto di voto in Assemblea e possono essere eletti alle cariche sociali quando abbiano raggiunto la maggiore età.

 

Art. 10 - L’Assemblea dei Soci
L’Assemblea è l’organo deliberativo dell’Associazione; essa è convocata dal Presidente o su richiesta di almeno un decimo dei Soci.

L’Assemblea è presieduta dal Presidente o dal Vicepresidente o da un componente della Presidenza a ciò delegato o dal più anziano dei Soci presenti.

La convocazione deve essere resa nota con almeno dieci giorni di anticipo mediante affissione della comunicazione presso la sede sociale.

 

Art. 11 - Assemblea Ordinaria e Straordinaria
L’Assemblea può essere Ordinaria o Straordinaria.

L’Assemblea Ordinaria ha il compito di:
a)            eleggere e revocare il Consiglio Direttivo fino ad un massimo di sette Consiglieri;
b)           definire le linee di attività dell’Associazione;
c)            esaminare i ricorsi per il mancato accoglimento delle domande di adesione;
d)           approvare annualmente il bilancio preventivo e consuntivo;
e)           discutere e deliberare su ogni argomento sottoposto alla sua attenzione dal Consiglio Direttivo

L’Assemblea Ordinaria è valida in prima convocazione se è presente la maggioranza dei Soci (la metà più uno), in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti.

L’Assemblea Straordinaria ha il compito di:
a)            definire le modifiche statutarie.
b)           deliberare sullo scioglimento dell’Associazione

L’Assemblea Straordinaria è valida in prima convocazione con la presenza di almeno i due terzi dei Soci e il voto favorevole della maggioranza dei presenti, in seconda convocazione con la presenza di almeno la maggioranza dei Soci (la metà più uno) e il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Nel caso in cui non si raggiungessero tali quorum, si provvederà a convocare l’Assemblea per una terza volta considerandola validamente costituita qualsiasi sia il numero dei presenti. L’Assemblea potrà riunirsi in terza convocazione solo trascorse almeno ventiquattro ore dalla seconda convocazione.

È ammesso il voto per delega.

 

Art. 12 - Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo ha il compito di
a)            eleggere e revocare i componenti della Presidenza;
b)           redigere i regolamenti interni;
c)            aggiornare il libro dei Soci e stilare l’elenco degli aventi diritto prima di ogni convocazione dell’Assemblea dei Soci;
d)           regolamentare le campagne di tesseramento e stabilire l’ammontare delle quote associative per l’anno di riferimento.
e)           discutere e deliberare su ogni argomento sottoposto alla sua attenzione dalla Presidenza.

Il Consiglio Direttivo resta in carica due anni e i suoi componenti sono rieleggibili.

 

Art. 13 - Presidenza
La Presidenza è composta dal Presidente, dal Vicepresidente e dal Tesoriere eletti in seno al Consiglio Direttivo.

La Presidenza dirige l’attività dell’Associazione. Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti dei terzi e convoca gli organismi statutari.

La Presidenza, in caso di necessità e urgenza, può assumere provvedimenti di competenza dell’Assemblea, con l’obbligo di sottoporli a ratifica alla prima adunanza utile. Fra tali provvedimenti è inclusa la facoltà di cooptare altri Soci negli organismi dirigenti in caso di dimissioni di uno o più componenti.

La Presidenza può affidare incarichi specifici ai suoi componenti e ad altri Soci.

 

TITOLO IV

Patrimonio sociale e Bilancio

Art. 14 - Patrimonio
Il patrimonio sociale dell’Associazione è costituito dai contributi di soci, dai lasciti o da elargizioni di privati, dai contributi di enti pubblici e dai proventi derivanti dalle attività commerciali e produttive marginali, oltre che da tutti i beni, mobili ed immobili, ad essa pervenuti a qualsiasi titolo. In caso di recesso i singoli Soci non potranno chiedere all’Associazione la restituzione delle quote versate.

 

Art. 16 - Scioglimento
I beni patrimoniali dell’Associazione devono essere inventariati. In caso di scioglimento dell’Associazione, i beni patrimoniali si trasferiscono ad altra organizzazione senza fini di lucro che persegua analoghe finalità, sempre e comunque nel rispetto della normativa vigente in materia.

 

Art. 17 - Esercizio
L’esercizio dell’Associazione è annuale e decorre dal primo gennaio con termine al trentuno dicembre.

Il bilancio consuntivo comprende tutte le entrate e le spese relative al periodo di esercizio.

Il bilancio preventivo contiene le previsioni di spesa e di entrate per l’esercizio annuale successivo.

Il bilancio consuntivo e preventivo sono elaborati dalla Presidenza.

 

Art. 18 - Bilancio consuntivo
Il bilancio consuntivo è approvato entro il 31 marzo dall’Assemblea Ordinaria a maggioranza semplice dei presenti. Il bilancio consuntivo è depositato presso la sede dell’organizzazione entro quindici giorni dalla data della sua approvazione.

 

TITOLO V

Le convenzioni

Art.19 - Convenzioni
Le convenzioni tra l’organizzazione di volontariato ed altri Enti e soggetti, sono deliberate dal Consiglio Direttivo. Copia di ogni convenzione è custodita, a cura del Presidente, nella sede dell’organizzazione. Il Presidente stipula le convenzioni e ne decide le modalità di applicazione.